Meccatronica al servizio del packaging

Cambi formato automatici e flessibilità per la confezionatrice D-series di PFM: obiettivi raggiunti con il contributo di Siemens.

La corretta progettazione meccatronica dei sistemi di confezionamento è sempre più determinante per il successo di mercato. Ne è convinta Siemens che, forte di un know-how consolidato in questo ambito, si propone come partner tecnologico affidabile ai costruttori di macchine per il packaging.

Condividere competenze. La tecnologia meccatronica di Siemens è, per esempio, alla base della collaborazione con il gruppo PFM che, dal 1964, progetta e realizza macchine e sistemi ad alte prestazioni per l’imballaggio alimentare e non, distinguendosi per il deciso impegno in Ricerca e Sviluppo.
Focus del progetto avviato con Siemens era la messa a punto della confezionatrice automatica D-Series, per produrre buste stand-up ad alta velocità (fino a 360 ppm).
L’obiettivo è stato centrato realizzando una macchina completamente meccatronica ad assi indipendenti, che garantiscono cambi formato rapidi e automatici ed eliminano quindi la necessità di interventi manuali da parte dell’operatore.

SINAMICS S120 E SIMOTION
Tra le iniziative di Siemens per promuovere le competenze tecnologiche in ambito meccatronico, ricordiamo la collaborazione con diverse università italiane, tra cui il Politecnico di Milano (polo di Piacenza), dove ha contribuito al programma didattico del corso di Ingegneria Meccanica (3° anno) con alcune lezioni dedicate alla materia.

Siemens ha soddisfatto appieno le esigenze espresse da PFM, fornendo il controllore motion multiasse Simotion D445 integrato nel sistema di azionamenti Sinamics S120, che pilota motori brushless Simotics 1FK7. Il controllo motion è in grado di gestire assi con cicliche molto ridotte e utilizzando in modo intensivo il concetto di camme elettroniche (su una serie DX sono controllati fino a 30 assi).
La gestione degli IO avviene tramite periferica ET200SP oppure mediante ET200AL nel caso di acquisizione diretta a bordo macchina, con grado di sicurezza IP65/67.
La collaborazione si è dimostrata vincente anche a fronte dell’affidabilità dimostrata nelle numerose installazioni in ambienti con atmosfera aggressiva o in applicazioni che richiedano l’utilizzo di solventi per l’igienizzazione della macchina.

 

06.09.2017

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste