Packaging design: per un'innovazione consapevole

Obiettivo del volume "Packaging naturalmente tecnologico" è quello di individuare, raccogliere e riportare soluzioni innovative, trasferibili al mondo industriale. Fare innovazione con benefici tangibili per il consumatore, per le aziende e con la corretta attenzione alla sostenibilità ambientale del sistema è una mission, sia per Politecnico di Milano sia per Comieco, che con questo volume danno voce ad anni di progetti in comune.

Barbara Del Curto

Nel mondo del packaging si intersecano molteplici competenze da quelle produttive a quelle finanziarie, di mercato, di comunicazione, ma anche tecnologiche e scientifiche. Questo carattere multidisciplinare del contesto fa sì che gli attori coinvolti si occupino di questioni che spaziano dalla funzionalità all’impatto sociale dei prodotti.

Non solo nuovi materiali, ma nuovi modi di progettare in modo  consapevolmente creativo e “out of the box”.

Questo approccio di progettazione è valido in tutte le fasi della vita del packaging, ma in particolare in relazione al fatto che il packaging a fine vita si trasformi in un rifiuto e come tale debba essere trattato e gestito; la soluzione, in questo caso, è prestare attenzione alla fase di progettazione, minimizzare i materiali, pensarli sostenibili e riciclabili.

L’evoluzione del packaging degli ultimi anni è stata così sorprendentemente rapida che l'effetto barriera è ormai considerato nulla più che una precondizione, mentre le innovazioni sono volte a implementare le proprietà funzionali. Si parla infatti sempre più di smart packaging o packaging funzionale, riferendosi a quelle soluzioni di imballaggio in cui è previsto l’impiego di un materiale, un trattamento superficiale, una tecnica di confezionamento o altro, in grado di svolgere una funzione aggiuntiva rispetto a quelle tradizionali di contenimento e generica protezione dei prodotti.

Pack di carta e cartone. I vantaggi che derivano dalle innovazioni nel settore della carta e del cartone sono legati alla possibilità di modificazione chimica delle fibre, dall’accoppiamento con altri materiali (compositi), oltre che da particolari trattamenti superficiali.

Carta e cartone possono oggi sostituire i polimeri, grazie all’aumentata capacità di espletare l’effetto barriera nei confronti di gas, mostrando al contempo un comportamento attivo, antimicrobico, fotocatalitico, ecc. 

Se, da un lato, l’evoluzione del packaging porta allo sviluppo di prodotti che offrono funzionalità aggiuntive, e quindi più ricercati, dall’altro la maggiore  consapevolezza degli utenti finali nei confronti delle problematiche ambientali impone di ridurre all’essenziale il packaging di un prodotto, per diminuire la quantità di rifiuti, oltre che di realizzare imballaggi naturali, monouso, potenzialmente biodegradabili, nonché riciclabili.

Innovazione tecnologica e materica e packaging design non sono solo un binomio inscindibile per un prodotto di successo, ma sono per certo il fattore determinante per far crescere il settore, espressione al contempo di cambiamento e di costante innovazione.

Il futuro del packaging, carico di aspettative e ricco di potenzialità, si inserisce a pieno titolo nell’economia circolare di cui sarà efficace protagonista incluso nel circolo virtuoso di riutilizzo/riciclo dei materiali.  
 

Sfoglia l'abstract del volume


 

 

 

 

 

20.01.2017

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste