Navigando… tra packaging interattivo e brand protection

focuson

C’è gente «Che passa da un ricevimento all’altro, dove la piega dei pantaloni conta molto di più di quella del cervello e dove, di norma, si dice quello che non si pensa e si pensa quello che non si dice. Di quei due che vedete trattarsi con tanta cordialità e tanti sorrisi, l’uno vende merce falsa e l’altro paga con assegni a vuoto». Stefano Lavorini

 Questa frase lapidaria di Anacleto Verrecchia, che si legge nella prefazione a “Aforismi per una vita saggia” di Arthur Schopenhauer segna, non senza gusto per il paradosso, lo spartiacque tra esperienze di nessun conto, perlopiù noiosissime, ed eventi ben riusciti di qualche costrutto per contenuti e/o per qualità dei convenuti.
In questa seconda ipotesi rientra certamente l’appuntamento annuale con Sun Chemical Group, che torna con puntualità a mettersi in scena con coraggiosa impudenza, cercando il confronto sul piano professionale, ma anche personale, con converter di imballaggio flessibile, produttori di etichette e cartotecniche.
È evidente il desiderio di affermare la propria unicità che, essendo obiettivo ben meditato, non va mai a discapito della consapevolezza dei propri limiti.

Anzi, evitando di attribuirsi troppe qualità e sottolineando le aree di miglioramento, riesce con intelligenza a stemperare i pregiudizi altrui, cosa che altrimenti porterebbe fatalmente allo sberleffo.
E per tenere la rotta, mettendo in gioco lo spirito competitivo degli ospiti, ha battezzato il format innovativo della regata velica, a cui nessuno si è sottratto.
Vincitori e vinti, alla fine della giornata, sono apparsi tutti gioiosamente soddisfatti, come risulta dal diario di bordo “per immagini” della sfida per mare (goo.gl/tYrmXt). In definitiva, un evento che ha saputo emozionare oltre che regalare numerosi spunti di riflessione sul piano professionale. Onore al merito, quindi… in primis a Fabio Deflorian, amministratore delegato della filiale italiana della multinazionale DIC, allo staff al gran completo e all’entusiasta Fiorenza Raggi: insieme hanno saputo dare continuità a un appuntamento “a cui non si può mancare”, come molti mi hanno ripetuto.

Articolo correlato

Si fa presto a dire inchiostro

 

16.11.2017

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste