Capsule di caffè: macchine a valore aggiunto

Produzione & servizio: questo il binomio vincente per Tecmes che, forte delle competenze nello sviluppo e costruzione di macchine meccaniche di assemblaggio, realizza da tempo soluzioni ad alte prestazioni per il confezionamento delle capsule di caffè. Le considerazioni di Angelo Vistarini, direttore commerciale della società cremasca.


La nuova generazione di macchine lineari a carosello Tecmes, straordinarie per i movimenti esclusivi a base di camme meccaniche pilotate da un unico motore elettrico, racchiudono l’esperienza acquisita con oltre 250 linee di confezionamento, costruite nello specifico per il mondo del caffè.
«Si tratta - spiega al proposito Vistarini - di basi macchina perfezionate, che non solo provvedono al riempimento delle varie tipologie di capsule sul mercato (termoformate, a iniezione, compostabili, biodegradabili o in alluminio) ma che, nelle stazioni, sono equipaggiate per la preparazione delle capsule stesse: una prerogativa, questa, che garantisce consistenti vantaggi economici agli utilizzatori».

Da sottolineare che la capacità produttiva di tali macchine, considerando tutti gli step di processo - dalla preparazione alla predisposizione fino al riempimento - arriva oggi senza problemi a 600 capsule/minuto.
Alla scoperta del “vero” valore. «Sappiamo bene che gli investimenti in macchinari sono spesso guidati da percezioni e logiche personali, talvolta non supportate da riscontri effettivi» considera il manager. «Inoltre, non sempre si considera il servizio post vendita come un fattore competitivo, anche perché, nella stragrande maggioranza dei casi, il marketing commerciale ha trasformato la vendita di un qualsiasi macchinario in un “banale” trasferimento di proprietà al miglior prezzo.
Di fatto, in Tecmes, interpretiamo il ruolo di fornitori di tecnologia avanzata in modo diverso e a tutto tondo, il che ci garantisce per molti versi di distinguerci sul mercato».
L’azienda assicura infatti un’assistenza tecnica e piani formativi del personale di conduzione e gestione della produzione non comuni.
«E dato che una produzione di qualità molto dipende dalle capacità e dalle competenze dei singoli operatori, solo una macchina ad alte prestazioni ma di semplice concezione consente di creare in poco tempo personale adatto, abile ed efficiente.
Ecco perché ci consideriamo a tutti gli effetti fornitori ricettivi e dinamici, in grado di supportare gli utilizzatori nella ricerca del valore aggiunto, misurabile attraverso la maggiore produttività, il sano profitto e una fondata   credibilità aziendale. Questo vale - conclude Vistarini - anche nel caso delle macchine di riempimento capsule, dove il binomio produzione-servizio deve essere tenuto nella giusta considerazione come criterio di valutazione su cui basare scelte appropriate alla ricerca della redditività».                                       

11.10.2017

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste