Produttività al massimo, in tutta flessibilità

Termoformatrice e astucciatrice per prodotti farmaceutici sulla stessa macchina: una soluzione di Schubert-Pharma.

Di norma, la combinazione di termoformatrice e astucciatrice viene realizzata con due macchine separate. Per il cliente IDT Biologika, Schubert-Pharma ha riunito le due funzioni in un unico impianto TLM, ottimizzando l’efficienza e riducendo gli ingombri. Grazie alla possibilità di manipolare diversi tipi di prodotto sul sistema TLM, il cliente può sfruttare l’impianto in modo efficiente.  IDT Biologika è un co-packer internazionale di prodotti farmaceutici, che fa capo al gruppo Klocke: con oltre 1500 dipendenti, IDT è l’azienda più grande del gruppo. Specializzato nelle tecnologie di produzione, riempimento ed imballaggio di vaccini, farmaci biologici e biotecnologici di elevata qualità, questo conto terzista evoluto spazia dal trattamento di principi attivi in formato bulk al riempimento sterile, dai processi di confezionamento e imballaggio alle catene di raffreddamento. Le sue attività ricoprono quindi tutti i passaggi relativi a sviluppo, produzione e qualità. Per questo si avvale delle più moderne tecnologie di processo e imballaggio.
La crescente complessità delle soluzioni d’imballaggio, il mutato comportamento dei committenti, così come la tendenza a ordinare lotti sempre più piccoli sono le esigenze emergenti, di cui la produzione di IDT ha tenuto conto decidendo di utilizzare nuove strategie nell’ambito del confezionamento.

Tutti i passaggi, dalla formatura vassoio all’alimentazione e raggruppamento prodotto fino al confezionamento, hanno luogo in un unico impianto compatto. Gli autoiniettori vengono depositati in vassoio e infine astucciati.

Soluzione di lunga durata
Le attività di imballaggio di IDT sono numerose: inscatolamento di vials di varie misure con un quantitativo di pezzi variabile e con diversa disposizione in scatola con e senza divider, siringhe blisterate, assemblaggio di siringhe e vials confezionati in kit farmaceutici. Di recente si è aggiunta anche l’attività di confezionamento di dispositivi medici in termoformati e il loro imballaggio in scatola. Per risolvere tutte queste problematiche, IDT si è confrontato con diversi fornitori di macchine.
«A fronte di una riduzione delle linee di imballaggio, volevamo raggiungere una flessibilità a lungo termine e, contemporaneamente, aumentare la capacità degli impianti» spiega Raimund Merkel della Holding Klocke.
«Il fatto che Schubert-Pharma, diversamente da altri fornitori, fosse in grado di realizzare i processi di lavorazione richiesti su un’unica linea è stato decisivo. Dato che IDT è un co-packer, si trova infatti ad aggiungere sempre nuovi formati alla gamma di produzione. Il che richiede creatività e flessibilità a tutte le parti coinvolte, e questo è ciò che ha reso il progetto particolarmente interessante» aggiunge Karin Kleinbach, Sales Account Manager di Schubert-Pharma.

Vials di svariate grandezze possono essere confezionate in modo sicuro, singolarmente o in combinazione con siringhe.

Il valore aggiunto in poco spazio
Nonostante la complessità, le molteplici applicazioni e lo svariato numero di formati la macchina fornita è molto compatta. Le funzioni di utilizzo e di operabilità, così come la trasparenza del lay-out, sono garantite. Per l’imballaggio dei dispositivi medici per prima cosa vengono prodotti i vassoi nel modulo termoformatore della Schubert. Diversamente da sistemi analoghi, forma un vassoio madre con un certo numero di vassoi singoli che vengono separati solo in seguito nel corso del processo. Grazie a robot F4 nella zona di arrivo prodotto, si raggruppano i prodotti da imballare sui Transmodul. Uno scanner di visione, posizionato sopra al nastro di arrivo prodotto, trasmette ai robot F4 la posizione e il numero dei prodotti in arrivo. Questi prelevano i prodotti singoli, depositandoli nei vassoi termoformati. Di seguito, un punzone separa i termoformati e le confezioni vengono caricate in scatole top loading. I vials vengono convogliati in piedi su piatto girevole o su nastro davanti all’etichettatrice e poi consegnati al nastro prodotto, che si trova nel campo di lavoro dei robot F4, così che i vials vengano raggruppati dagli stessi robot che lavorano i dispositivi medici. «In questo modo, il cliente ottiene una soluzione altamente flessibile e poco ingombrante» dice Karin Kleinbach.

Con la nuova macchina, IDT può confezionare e inscatolare in un termoformato anche dispositivi medici come gli autoiniettori.

Line-clearance automatizzata: meno documentazione manuale, commutazione di lotto più veloce
Dato che IDT Biologika imballa molteplici prodotti sulla stessa linea, è di fondamentale importanza il line-clearance (lo svuotamento dell’impianto da tutti i materiali d’imballaggio nonché da tutti i prodotti in sovrannumero che si trovano ancora sulla linea), così da escludere ogni potenziale contaminazione.
Nelle macchine TLM questo procedimento si svolge in automatico, garantendo al cliente un significativo risparmio di tempo e una disponibilità dell’impianto decisamente maggiore.
Mediante il controllo macchina VMS (tecnologia proprietaria Schubert) tutto l’impianto viene supervisionato: tramite conferme e controverifiche si assicura che in macchina non si trovino prodotti della precedente produzione. Un sensore esamina in automico che tutti i trasportatori siano vuoti e fornisce l’informazione agli operatori di linea. «Per il produttore, è garanzia di massima sicurezza perché vengono escluse possibili contaminazioni incrociate» spiega ancora Karin Kleinbach. «Inoltre, con questo processo, si riduce in modo significativo la documentazione manuale, facilitando la rapidità del cambio produzione».
Schubert-Pharma ha armonizzato insieme al cliente tutti i formati di prodotto e confezione esistenti, pianificando insieme al suo team di esperti anche i formati aggiuntivi per le attività future. In questo modo IDT è pronta a far fronte anche alle richieste future dei clienti e può confezionare prodotti in modo veloce e flessibile.                    

Siringhe blisterate possono essere astucciate in diverse configurazioni.

I protagonisti della storia
Schubert-Pharma riunisce il know-how sui sistemi di confezionamento flessibili TLM di Schubert con l’esperienza assodata in project-management di Schubert-Packaging-Systems. I clienti del settore farmaceutico beneficiano dunque, per le proprie esigenze d’imballaggio, di una consulenza molto qualificata e completa.

IDT Biologika (Gruppo Klocke) è una società internazionale di biotecnologia, attiva nella produzione conto di terzi e nella salute veterinaria. Oltre 1500 dipendenti ne fanno la più grande azienda del gruppo Klocke, specializzata nella produzione, riempimento e confezionamento di vaccini innovativi e di biofarmaci di alta qualità in forma liquida e liofilizzata.
Appartengono al Gruppo anche Klocke-Pharma-Service GmbH (che sviluppa, produce e confeziona medicinali in formato solido e in polvere, dispositivi medici e integratori alimentari) e Klocke-Verpackungs-Service GmbH (che svolge invece attività di riempimento di materiali solidi, semisolidi e liquidi, come farmaci, cosmetici, medicinali da banco, prodotti per la salute e la bellezza, alimentari e prodotti tecnico-chimici).
 

13.04.2017

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste