Servomotori in kit

Grazie ai servomotori in kit di Parker Hannifin è possibile costruire sistemi più compatti e dalle prestazioni migliori in fatto di precisione, affidabilità e robustezza.


Secondo tradizione, la costruzione di una macchina ha inizio con la definizione delle funzioni di sistema, per passare poi alla scelta delle motorizzazioni, fase, questa, che spesso richiede la modifica del sistema meccanico tramite aggiunta di accoppiatori, riduttori, flange, etc. Questo tipo di modifica può essere evitata ricorrendo a una soluzione con motori in kit supportata da Parker, tramite consigli sulla definizione degli elementi principali (rotore e statore) da selezionare per ridurre la complessità della macchina.
Molti i punti a favore rispetto a una tecnologia tradizionale:
- impiego ottimale dell’energia, in quanto non sono più necessari gli accoppiatori e i componenti elettromeccanici di accoppiamento (pulegge, cinghie, riduttori, etc);  
- riduzione delle dimensioni e del peso;
- soluzione unica grazie all’adattamento meccanico ed elettrico alle richieste applicative;
- riduzione della manutenzione grazie alla semplificazione meccanica della macchina;
- silenziosità, in particolar modo quando si opta per una soluzione con raffreddamento ad acqua.
L’esperienza e il know-how nella progettazione, produzione e integrazione di servomotori in kit consente a Parker di offrire anche altre soluzioni ad alta velocità grazie ai motori HKW e SKW, così come a coppia elevata con la serie TKW.

Taglio al volo con PAC e servoazionamenti PSD. Ricordiamo che F.in.e.co Srl (distributore dei prodotti elettromeccanici e pneumatici di Parker per la zona di Milano e Provincia) porta a SPS Italia (Pad. 5, stand G071) un sistema di taglio al volo che impiega il controllore assi Parker Automation Controller (PAC) e i servoazionamenti compatti PSD, capaci di controllare fino a 5 motori, con un singolo modulo di soli 5 cm.

10.05.2017

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste