Intralogistica “smart”: modulare ed efficiente

A SPS IPC Drives di Parma, Interroll ha presentato la gamma allo stato dell’arte di soluzioni per il material handling, l’intralogistica, e la movimentazione, esempio concreto della sua vision “4.0”. Ne ricordiamo alcune.


RollerDrive. Azionamento decentralizzato e modularità: questi i due principi innovativi che consentono una movimentazione automatica dei materiali “mirata”, personalizzabile in base esigenze specifiche dei singoli impianti.
I sistemi motorizzati con RollerDrive, infatti, al posto del tradizionale azionamento centrale, in funzione 24 ore su 24 a prescindere dalla quantità effettiva di materiale trasportato, sono dotati di motori dislocati su ogni singola zona di trasporto, che possono essere attivati o disattivati in modo indipendente al passaggio del materiale: solo i RollerDrive necessari  vengono infatti messi in funzione, consentendo un risparmio energetico fino al 50%, oltre che una drastica riduzione della rumorosità e dell’usura. Gli impianti ad azionamento centralizzato già esistenti si prestano al retrofitting: in molti casi è possibile continuare a utilizzare i vecchi rulli trasportatori, basta sostituire, in ogni zona di trasporto, un solo rullo con un RollerDrive. Un’ampia gamma di unità di controllo consente un’integrazione semplice e flessibile in diverse applicazioni.

Mototamburi: la nuova generazione modulare. Ideale per l’impiego nei trasportatori a nastro in centri di distribuzione, nel settore produttivo e nell’industria alimentare, la nuova generazione di mototamburi Interroll, disponibile sia in versione sincrona che asincrona, ha una struttura completamente modulare, che assicura tempi di produzione e consegna più brevi e affidabili.
Soluzione plug and play, agevola il montaggio, che risulta rapido grazie alla combinazione facile e intuitiva di tutti i componenti. Inoltre l’alimentazione è trasmessa per mezzo di una semplice connessione a innesto. In questo modo, i fermi per manutenzione o riparazione si riducono sensibilmente, con considerevoli vantaggi economici per l’utente. Assi e cuscinetti a sfera più robusti garantiscono una lunga durata; un riduttore epicicloidale stabile consente di trasmettere con efficienza coppie elevate sul rispettivo nastro trasportatore, con livelli di rumorosità molto bassi; grazie a un maggiore numero di trasmissioni, è inoltre possibile scegliere tra una gamma più ampia di velocità.
Questi motori garantiscono un’efficienza energetica unica, con perdita di potenza estremamente ridotta che, per gli utenti, si traduce in una drastica riduzione dei costi di esercizio. In classe di protezione IP69K, la più elevata in termini di igiene, rendono il processo di pulizia veloce e semplice.  

Componenti per la fabbrica del domani
Laddove i processi a monte e a valle della produzione sono sempre più automatizzati, i comandi sempre più robotizzati, remotizzati e determinati da sistemi ciberfisici, la qualità dei componenti del motion riveste un’importanza cruciale nella nuova industria, connessa e comunicante.
Alla luce di queste considerazioni, Claudio Carnino, direttore commerciale e country speaker di Interroll Italia, ribadisce il coinvolgimento proattivo del Gruppo e l’impegno costante nel ripensare la propria offerta di soluzioni, in base agli standard tecnologici di quella che viene, a buon diritto, definita come la nuova “rivoluzione industriale”.
«Il mondo industriale della produzione si rinnova, si amplia. E questo ci chiama in causa direttamente, per adeguare costantemente le nostre soluzioni alle attuali esigenze degli integratori di sistemi e dei clienti finali, offrendo loro  le soluzioni più “smart” sul mercato a totale beneficio della produttività. Al nostro reparto R&S affidiamo la creazione di componenti “visionari” dove il massimo dell’usabilità si coniuga con tecnologia al top, con un’attenzione sempre maggiore al ROI, all’ambiente in generale e a quello lavorativo in particolare».
                       
 

12.07.2017

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste