Il 2015 del comparto macchine

Secondo i dati resi noti da Ucima, il fatturato 2015 del comparto macchine automatiche sfiora i 6,2 miliardi di Euro. Cresce del 2% il mercato italiano. Dichiarazione del neo presidente Ucima, Enrico Aureli.

Modena, 22 giugno 2016. Un universo di 588 aziende che occupano 27.906 addetti, generando un fatturato di 6.197 milioni di Euro, realizzato per l’80,7% sui mercati internazionali (5.003 milioni di Euro) e per il 19,3% (1.194 milioni di Euro) su quello nazionale.
Questo quanto emerge dalla IV Indagine Statistica Nazionale del settore dei costruttori italiani di macchine per il confezionamento e l’imballaggio realizzata dal Centro Studi di Ucima, l’Associazione nazionale di categoria. I risultati sono stati presentati nel corso dell'incontro stampa che si è svolto a Villa Marchetti (Baggiovara, MO) in data odierna.

ARTICOLI CORRELATI: Ucima: il neo-Presidente Aureli presenta il programma all’Assemblea dei soci

Fotografia del settore
Anche nel 2015, il settore, che si mantiene sui livelli di fatturato dell’anno precedente, si conferma tra i più dinamici del made in Italy nonché il più importante dei beni strumentali per volumi di fatturato totale e, soprattutto, per contributo all’export totale.

grafico_1e2.jpg

Il giro d’affari si attesta sui 6,197 miliardi di Euro, in lieve flessione (-0,4%) rispetto al 2014. L’80,7% del fatturato è realizzato all’estero, principalmente in Unione Europea, Asia e Europa Extra Ue. I primi cinque mercati di destinazione sono Stati Uniti, Francia, Germania, Cina e Turchia.
Le tecnologie per l’industria del beverage sono al primo posto tra i settori clienti con il 29,1% del totale, seguite da quelle per l’industria alimentare  (28,5%).
Il mercato italiano cresce del 2% raggiungendo i 1,2 miliardi di Euro.

I risultati sui mercati internazionali
Nei dodici mesi del 2015, le vendite sui mercati internazionali hanno fatto registrare un lieve calo nei volumi (-0,9%), imputabile principalmente ai rallentamenti registrati in alcuni importanti mercati quali Brasile, Cina e Russia.
I buoni andamenti negli altri mercati sono però riusciti a mitigare il risultato che resta sopra i 5 miliardi di Euro.
Le principali aree geografiche di destinazione dell’export sono risultate essere: l’Unione Europea, che assorbe il 35,6% (1.667,8 milioni di Euro) del fatturato totale; l’Asia, al secondo posto con un valore di 1.071,9 milioni di Euro ed un’incidenza del 22,7% sul totale, l’Europa Extra UE, al terzo posto, con 549,2 milioni di Euro (11,6%). Seguono Nord America (509 milioni di Euro; 10,8%), Africa e Oceania (454,5 milioni di Euro; 9,6%), Centro-Sud America (452,1; 9,6%).
Per quanto riguarda, invece, i singoli Paesi, Stati Uniti, Francia e Germania restano sul podio, seguiti da Cina, Turchia, Regno Unito, Spagna, Svizzera, Arabia Saudita e Brasile.
Sui mercati esteri, le performance migliori sono state registrate dal settore cliente definito “Altro”, che comprende principalmente le tecnologie per le industrie del tabacco e del tissue (+13,5%), seguito dalle vendite all’industria cosmetica (+10,2%), e da quella farmaceutica (+8,4%).
In termini assoluti, invece, il settore cliente principale è quello del beverage che registra vendite per 1.525 milioni di euro, seguito dal food con 1.334 milioni di Euro e dal settore altro che genera 913 milioni di Euro. Seguono le vendite al settore farmaceutico (851 milioni di Euro), cosmetico (227 milioni di Euro), e all’industria chimica e dell’home care (153 milioni di Euro).

grafico_1_2.jpg

Il mercato domestico
Le vendite sul mercato italiano continuano a mostrare un trend positivo. Nei dodici mesi del 2015, le vendite in Italia sono state pari a 1.194 milioni di Euro, in crescita dell’1,9% sul 2014.
Sul mercato domestico le crescite maggiori sono state registrate nelle vendite all’industria farmaceutica (+23,3%), da quelle al settore denominato “Altro” (+7,6%), e dall’industria alimentare che cresce, però, di un modesto +0,4%.
In termini assoluti, il settore food resta quello principale generando un fatturato di 434 milioni di Euro, seguito dal beverage con 276 milioni di Euro e dal farmaceutico con 196 milioni. Il quarto mercato di destinazione è il settore denominato Altro (157 milioni di Euro). Chiudono la classifica le vendite all’industria cosmetica (73 milioni di Euro) e quelle alle industrie denominate Chemicals & Home Care (57 milioni di Euro).

I settori clienti
Complessivamente, sono le vendite al settore del beverage che fanno registrate i volumi maggiori e pari a 1.801 milioni di Euro, scalzando quelle al settore food che si posizionano al secondo posto con volumi pari a 1.768 milioni di Euro. Al terzo posto si posiziona il settore denominato Altro con 1.069 milioni di Euro.
Seguono il settore farmaceutico (1.047 milioni di Euro), quello cosmetico (300 milioni di Euro) e il Chemicals & Home Care (210 milioni di Euro).

Dimensionalità aziendale e dislocazione geografica
L’analisi del comparto per classe di fatturato evidenzia una netta preponderanza di aziende di piccole dimensioni. Quelle con fatturati fino a 5 milioni di Euro costituiscono il 66% del totale, ma contribuiscono soltanto per il 9,9% al totale del fatturato di settore.
Sono invece solamente il 7,8% le aziende con fatturati superiori a 25 milioni di Euro, pur generando la quota più significativa (65,7%) del volume d’affari complessivo.
La maggior parte delle aziende è localizzata in Emilia Romagna (36,2%) dove viene prodotto il 62,8% del fatturato totale. Seguono Lombardia (28,1% delle aziende e 16,8% del fatturato), Veneto (12,6% delle aziende e 9,7% del fatturato) e Piemonte (10,5% delle aziende e 5,6% del fatturato).
Concentrando l’analisi sulla propensione esportativa delle aziende, si rilevano notevoli differenze nel presidio dei diversi mercati. Le aziende più piccole (fino a 2,5 milioni di Euro) realizzano più della metà del proprio giro d’affari (55,6%) sul mercato italiano.
La percentuale di vendite sul mercato domestico va via via diminuendo con l’aumentare della dimensione aziendale, arrivando per le imprese più grandi (oltre 50 milioni di Euro) a rappresentare solamente il 9,8% del fatturato.

Le previsioni 2016
«Nei primi tre mesi del 2016 è proseguita la frenata in alcuni importanti mercati di sbocco delle nostre tecnologie» ha dichiarato il neo-eletto Presidente di Ucima, Enrico Aureli. «Tali cali diffusi, solo in parte compensati da buone performance in altri Paesi, hanno determinato un calo del 10% nel nostro export. Risulta però in crescita la raccolta ordini nei primi quattro mesi dell’anno e - aggiunge Aureli - siamo pertanto fiduciosi di riuscire a migliorare i risultati raggiunti a fine 2015».
Secondo l’analisi previsionale sulla domanda mondiale di macchine packaging realizzata dal Centro Studi Ucima e denominata “Cubo”, infatti, alla fine del prossimo triennio il valore del mercato mondiale raggiungerà un valore di 42,7 miliardi di Euro, con una crescita annua stimata del 5,4%.

sintesi_4a_ind_statistica_ucima_conferenza_stampa_web.jpg  Clicca per scaricare il PDF
 

 

 

 

 

 

22.06.2016

Sfoglia gli ultimi numeri delle riviste